Interpellanza ICOPU

La situazione di emergenza COVID-19 ha messo economicamente a dura prova le attività
commerciali presenti sul territorio comunale, moltissime attività sono state costrette a ridurre l’operatività anche per il contingentamento degli ingressi o addirittura a chiudere.

Molte attività commerciali hanno rimodulato la loro attività prevedendo servizi di asporto e di consegna a domicilio. Le modifiche alle vetrine spesso con la sola aggiunta del termine asporto o consegna a domicilio comportano il pagamento dell’imposta che è intorno ai 60euro/mq. Per questo il Consigliere Arturo Baglivo interpella Sindaco e Giunta per sapere

se intendano, nelle more dell’approvazione del Regolamento sul Canone Unico, prorogare il versamento dell’ex Imposta Comunale sulla Pubblicità e Diritti sulle Pubbliche Affissioni (ICOPU) sino al termine dell’emergenza pandemica

se intendano sospendere, sino al termine dell’emergenza sanitaria, e nelle more dell’approvazione del Regolamento sul Canone Unico il pagamento dell’ex ICOPU per gli esercizi che per adeguarsi alla contingenza stiano rimodulando le proprie attività e se intendano consentire l’aggiunta gratuita di messaggi per evitare assembramenti quali “consegna a domicilio, 24h, asporto, ecc…” che non modificano l’impianto pubblicitario delle vetrine.

Segui le attività del Movimento 5 Stelle Lecce sulla pagina Facebook o sul nostro profilo Instagram

Qui tutte le ultime dall’ufficio stampa.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *